Caffè e tumore del cavo orale, tumore della faringe e tumore dell’esofago

Tra gli studi epidemiologici che considerano la relazione tra consumo di caffè e rischio di tumore del cavo orale, faringe ed esofago ve ne sono almeno 2 prospettici e 13 caso-controllo. I due studi prospettici, sebbene basati su pochi casi, hanno mostrato una protezione da parte del caffè su questi tumori1,5. Tra gli studi caso-controllo i risultati sono discordanti, ma nel loro complesso abbastanza rassicuranti. Infatti nessuno studio ha mostrato forti aumenti di rischio e, in particolare uno studio italiano pubblicato nel 2003 ha trovato una relazione inversa significativa tra tumore del cavo orale/faringe e dell’esofago, con RR di 0,6 - per entrambi i tumori - per i bevitori di 3 tazze di caffè al giorno paragonati ai non bevitori o ai bevitori occasionali6. Uno dei motivi che può spiegare i risultati discordanti tra gli studi è che la temperatura alla quale viene bevuto il caffè può essere un fattore confondente. E’ stato dimostrato che ingerire cibi molto caldi può aumentare il rischio di questi tre tumori e l’ingente quantità del caffè all’americana bollente potrebbe mascherare gli eventuali effetti benefici del caffè Tali effetti sono invece  più evidenti nella bevanda italiana perchè caratterizzata da un volume di liquido bollente assai inferiore. In conclusione bere il caffè non aumenta il rischio di tumore del cavo orale, faringe ed esofago. 

Leggi anche

ELIMINATO IL DUBBIO DI CANCEROGENICITÀ: IL CAFFÈ È PROTETTIVO

Di recente, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha dichiarato che le radiofrequenze associate ai cellulari sono potenzialmente cancerogene per gli esseri umani.