Storia ed espansione del caffè

Le origini risalgono a un'epoca molto antica. Il nome potrebbe derivare dall'altopiano Kaffa sito in Etiopia, o è l'altopiano stesso che ne avrebbe acquisito il nome dal caffè quando ormai il prodotto era già noto in tutto il mondo.

Il termine caffè si dice deriverebbe dal turco Kahve a sua volta proveniente dall'arabo Qahwa che sta a significare vino e bevanda eccitante. Racconta la leggenda che Re David portasse a sua moglie Abigaele dei "grani abbrustoliti".

Il caffè è menzionato anche nell'Iliade, grazie a Elena che lo aggiunge al vino "per asciugare le lacrime degli ospiti" alla mensa di Menelao. E Omero lo definisce utile "contro i dispiaceri, i rancori e la memoria dei dolori".

Dallo Yemen una leggenda narra di un pastore il quale, notando l'irrequietezza delle proprie capre dopo avere brucato alcune bacche rossastre, ne parla ad un monaco del vicino monastero di Cheodet, il quale prepara una bevanda con le medesime per una veglia più lunga da dedicarsi alla preghiera.

Anche fra gli arabi il caffè è leggenda: l'Arcangelo Gabriele offre a Maometto, colpito da pesante sonnolenza, una tazza di caffè bollente così da "disarcionare – racconta il Corano - quaranta cavalieri e amare ben quaranta donne".

Grazie ad Avicenna – filosofo e scienziato, oltre che medico, persiano - si hanno le prime evidenze scientifiche sui benefici effetti del caffè e delle qualità terapeutiche.

Nel 1592 il medico italiano Prospero Alpino descrive la pianta e, a partire dal XIV secolo, si rilevano le prime notizie dell'espansione del caffè in Arabia, Egitto, Siria, Turchia.

I mercanti veneziani lo introducono in Italia, in Francia, in Germania e in Inghilterra e la domanda è tale da ampliare la coltivazione di caffè in altre parti del mondo.

Nel 1690 gli olandesi danno il via con estese coltivazioni a Giava, i francesi in Martinica e nelle Antille e gli inglesi, gli spagnoli e i portoghesi fra Africa, Asia ed America.

Nel 1727 grazie a un ufficiale brasiliano il caffè arriva in Brasile e nel 1810 ne diventa la principale risorsa economica.