Momenti fisiologici

  • Infanzia e preadolescenza: macchiare il latte della colazione con meno di una tazzina di espresso (non più di 1 cucchiaio) non incide sulla iperattività del bambino. In ogni caso è bene ricordare che non solo il caffè ma anche altre bevande o prodotti contengono caffeina:
Prodotti - contenuti medi di caffeina
Prodotti Quantità
Moka (una tazzina da 50 ml) 80 mg
Espresso (una tazzina da 30 ml) 40 mg
Filtrato alla Americana (una tazza da 150 ml) 115 mg
Caffè Istantaneo (tazza da 150 ml) 65 mg
Decaffeinato (una tazza da circa 150 ml) 3 mg
Tè classico (una tazza da 150 ml) 40 mg
Té freddo (240 ml) 45 mg
Bibite tipo Cola (una lattina da 330 ml) 46 mg
Cioccolata (una tazza da 150 ml) 2-20 mg
Bevanda Latte e cioccolato (240 ml) 5 mg
Cioccolato al latte (30 g) 6 mg
Cioccolato fondente semi-dolce (30g) 20 mg
Torta al cioccolato (30 g) 26 mg

Fonte: CoSIC (Coffee Science Information Centre)

  • Adulto sano e sportivo: il caffè stimola l’apprendimento, e risveglia le facoltà mentali aumentando la capacità di concentrazione e il rendimento. Durante l’attività sportiva,  favorisce la concentrazione e aumenta la capacità di svolgere lavoro muscolare specialmente per le prestazioni di lunga durata. Infine, non blocca l’appetito ma stimola la termogenesi aiutando a mantenere la linea.  Nei fumatori non vi è alcun legame farmacologico fra consumo di caffè e sigaretta è solo un’abitudine acquisita. Infine il caffè non crea dipendenza.
  • Mestruazioni dolorose: il caffè in dosi moderate può aiutare a calmare i dolori mestruali.
  • Gravidanza e Allattamento: in gravidanza non bisogna mai superare 2 tazzine di caffè al giorno. Le nausee aiutano anche a farne a meno. Durante l’allattamento è invece bene astenersi dal bere caffè.
  • Menopausa: il caffè non favorisce l’osteoporosi se il regime alimentare giornaliero comprende cibi ricchi in calcio.
  • Terza età: Il caffè contribuisce al mantenimento della funzione cognitiva e non è collegato all’insorgenza dei dolori articolari e dell’artrosi soprattutto se il suo consumo non oltrepassa le 4 tazzine e il regime alimentare giornaliero è equilibrato nel contenuto in calcio.