Gli Antiossidanti del Caffè

Il caffè è una delle fonti alimentari più abbondanti in antiossidanti naturali, una ricchezza che può aiutare a mantenersi in salute.

Il caffè è una delle fonti alimentari più abbondanti in antiossidanti naturali. Gli antiossidanti sono molecole che rallentano o prevengono i danni da radicali liberi. Principali composti ad azione antiossidante sono gli acidi clorogenici che si formano dall'esterificazione di acidi fenolici (acido ferulico e acido caffeico) ed acido chinico. 
Nel caffè verde sono molto numerosi e di diversa struttura e i processi di lavorazione ne riducono considerevolmente la presenza; tuttavia è possibile affermare che 100 ml di caffè contengono una quantità rilevante di acidi clorogenici: fino a 250 mg.

Nel caffè verde sono molto numerosi e di diversa struttura e i processi di lavorazione ne riducono considerevolmente la presenza; tuttavia è possibile affermare che 100 ml di caffè contengono una quantità rilevante di acidi clorogenici: fino a 250 mg.

Alcuni studi scientifici hanno messo in evidenza che probabilmente sono proprio gli acidi clorogenici contenuti nel caffè che provvedono agli effetti preventivi su patologie come Parkinson e Diabete di tipo 2.

E’ del 2002 la pubblicazione - sull’autorevole Lancet -  di uno studio condotto su vasta scala dal quale è emerso che la probabilità di sviluppare Diabete di tipo 2 si riducesse del 50% nei soggetti che consumavano quotidianamente una quantità ingente di caffè rispetto ai 2 caffè al giorno. Tali risultati hanno trovato conferma in successivi studi clinici su vasta scala e su soggetti monitorati per 12 anni: più aumentava il consumo di caffè giornaliero e minore era il rischio di sviluppare Diabete di tipo 2.

I risultati sembrerebbero dovuti all’azione protettiva che l’acido clorogenico e gli altri antiossidanti polifenolici attivano nei confronti dell’organismo: inibizione dell’assorbimento del glucosio a livello intestinale e aumento del dispendio energetico. Tali effetti parrebbero addirittura maggiori con il consumo di caffè decaffeinato.

Infatti uno studio pubblicato nel 2006 su Archives of Internal Medicine, testando un vasto campione di donne in post-menopausa ha messo in luce che il consumo di 6 tazze di caffè decaffeinato al giorno può ridurre il rischio di Diabete di tipo 2 del 33% contro il 21% del caffè normale.

L’attività antiossidante dei polifenoli contenuti nel caffè sembrerebbe avere anche un effetto positivo sulla prevenzione delle malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson. Tuttavia tale effetto favorevole potrebbe essere attribuito anche alla presenza di caffeina. Lo studio di Ascherio condotto su 300mila soggetti ha mostrato  come la caffeina riesca ad intervenire sulla tossicità dopaminergica, responsabile dei danni subiti dai neuroni della substantia nigra che regola gli impulsi all’attività motoria.

Anche la difesa della funzionalità cognitiva sembrerebbe da attribuirsi alle capacità del caffè. Lo dimostra uno studio di recente pubblicazione sull’European Journal of Clinical Nutrition dal quale emerge che il declino cognitivo si dimezzava nei soggetti che erano abituati a consumare almeno tre tazze di caffè al giorno. La tesi che il caffè è benefico per il cervello è stata presentata – nel 2006 - anche al meeting annuale della Psysiological Society: la caffeina sarebbe in grado di aumentare la frequenza di alcune onde cerebrali migliorando quindi memoria e apprendimento.

Anche la possibile insorgenza di patologie epatiche degenerative sembra trovi una difesa nel caffè. Studi scientifici hanno evidenziato che per ogni tazza di caffè giornaliera consumata risulta una diminuzione non indifferente del rischio di sviluppare cirrosi epatica. Una meta-analisi successiva ha anche esteso questi risultati ad altre gravi patologie come il carcinoma epatico.

La comunità scientifica italiana e internazionale concorda nel sostenere che il caffè consumato in dosi moderate e abitualmente (non oltre 300 mg di caffeina al giorno pari a circa 3-5 tazzine) può essere un aiuto importante nella prevenzione di patologie metaboliche e neurodegenerative. All’interno del regime alimentare giornaliero ha una buona influenza sulla sfera emotiva del soggetto e può contribuire alla salute. Il suo contenuto naturale in acidi clorogenici, anche parlando di decaffeinato, è tra le fonti dietetiche più abbondanti di antiossidanti. Pertanto un’assunzione maggiore di caffè, attraverso il decaffeinato, non può fare che bene. 

Leggi anche

Coffee and caffeine consumption in relation to sex hormone-binding globulin and risk of type-2 diabetes in postmenopausal women

A Goto et al, Coffee and caffeine consumption in relation to sex hormone-binding globulin and risk of type-2 diabetes in postmenopausal women, Diabetes, published online ahead of p

Caffè e Capacità cognitive - Demenza, Alzheimer, Parkinson

Il consumo di caffeina può essere benefico per le funzioni cognitive.

Caffè e colesterolo

Alcuni costituenti del caffè diversi dalla caffeina, sono responsabili dell’aumento di colesterolo totale e LDL (colesterolo cattivo).

Caffè e diabete - Milano, 4 Novembre 2010

Caffé e diabete Giovedì 4 Novembre 2010ore 11,00 Sala MontanelliCircolo della Stampa Corso Venezia, 16 – Milano